TIM & ONT esterna

L’OLT è un apparato attivo di terminazione della linea ottica, presente nella centrale locale di TIM, che si interfaccia (nel caso di rete FTTH) con più ONT. Tale apparato implementa, in una rete NGA, tra le altre, le funzionalità di conversione ottico-elettrica dei segnali, demodulazione, controllo, multiplazione dei flussi dati degli utenti finali allo stesso attestati, tenuto conto dei previsti standard internazionali (quali, ad esempio, GPON, XG-PON, EPON, ed evoluzioni).
A seconda che si tratti di una architettura di rete punto-multipunto o punto-punto, una porta dell’OLT controlla una ONT o più (ad oggi fino a 128 anche su distanze di decine di chilometri).
l’ONT è un apparato attivo, installato presso l’abitazione del cliente finale, che svolge le funzionalità di terminazione di rete ottica in una rete di accesso FTTH. L’ONT di rete si interfaccia con l’OLT e svolge le funzionalità di conversione dei segnali in ingresso da ottico in elettrico.

come riportato sul sito dell’operatore, il cliente TIM potrà, in qualsiasi momento, chiedere l’installazione gratuita di una ONT esterna, chiamando il Servizio Clienti linea fissa 187, Assistenza Tecnica. TIM effettuerà l’intervento senza alcun costo per il cliente, entro 5 giorni lavorativi dalla richiesta come previsto dalla norma.

l’AGCOM equipara il modulo SFP ad una ONT esterna, permettendo quindi a Wind Tre di non essere in contrasto agli obblighi previsti dalle precedenti disposizioni.

Devi aprire una segnalazione di guasto, meglio con Twitter, dove sembra risolvano celermente.

  • Il cliente ha diritto di richiedere una ONT esterna a 2.5 G anche in caso di linea con modem Executive in vendita
  • La chiamata deve essere effettuata come intervento di Assistenza 187.2 e quindi non bisogna essere indirizzati al commerciale
  • I tecnici on line del 187 sono a conoscenza di questa possibilità
  • L’attività deve essere inoltrata al reparto tecnico con intervento presso cliente, non a pagamento
  • Sul territorio va verificata la presenza a magazzino della ONT esterna
  • Se presente ONT si può intervenire dal cliente per configurazione della nuova ONT

Si ricorda comunque che TIM per le linee FTTH permette ai clienti di richiedere l’installazione di una ONT esterna, e in quel caso il collegamento al modem avviene tramite cavo Ethernet nella porta WAN dedicata.

A questo proposito, secondo quanto era emerso nei documenti dell’autorizzazione dell’AGCOM, TIM specificava che il nuovo profilo GPON prevede l’utilizzo di una ONT diversa da quelle utilizzate per i profili fino a 1 Gbps, in quanto dovranno essere dotate di porta LAN Ethernet da 2,5 Gbps per permettere al cliente di sfruttare interamente la banda offerta.

Quando poi prenderai appuntamento con il tecnico, se ti chiamano da call center, fai presente che devono lasciarti l’ONT.

l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha reso noti alcuni chiarimenti sulla delibera AGCOM n. 348/18/CONS del modem libero, in particolare proprio per la ONT della Fibra FTTH.

A questo proposito, è stata infatti concessa agli operatori un’eccezione al regolamento sul modem libero, permettendo ai provider di applicare una restrizione alla libera scelta della ONT. In questo modo gli operatori potranno imporre uno specifico modello di ONT che il cliente dovrà necessariamente utilizzare.

L’Autorità ha però specificato che questa restrizione è ammessa a patto che la ONT non sia integrata con un eventuale modem fornito dall’operatore, privilegiando quindi la soluzione della ONT esterna.

AGCOM ha anche chiarito che, in caso di router con ONT integrata, deve essere sempre possibile per l’utente richiedere la fornitura e l’installazione di una ONT esterna. A questo proposito, “la volontà dell’utente di avere una ONT esterna (funzionale alla libera scelta del terminale) dev’essere accertata esplicitamente già in sede di conclusione del contratto”.

In più, qualora l’utente, durante la durata contrattuale, decida successivamente di volere usare un proprio modem, i tempi di installazione dell’ONT esterna dovranno essere “tempestivi (segnatamente, entro 5 giorni lavorativi)”.

Si tratta quindi di un orientamento che, sebbene non permetta di scegliere una delle ONT esterne presenti sul mercato, impone ai provider di attrezzarsi per fornire ai clienti l’apparato alimentato non integrato nel modem, sia durante la prima installazione che in fasi successive, così da permettere a tutti di scegliere il proprio router indipendentemente dalla presenza o meno dell’ingresso ottico.

Ho chiamato il 187 chiedendo coma da vostro suggerimento la possibilità’ di utilizzare il “modem libero” dopo alcune verifiche l’operatore si e’ reso conto di cosa stessi chiedendo e mi ha aperto la richiesta.
poco dopo mi ha chiamato sospc dal ticket aperto ieri, e la persona sapeva bene di cosa stessi parlando ed ha modificato il ticket inoltrando al reparto reti. Poco fa ho ricevuto un sms da da tim che domani mattina un tecnico verra’ a casa per l’intervento gratuito sul mio impianto.

2 Mi Piace

Con la tecnologia FTTH, la fibra ottica arriva direttamente nella tua sede e deve essere collegata ad una terminazione ottica fornita da TIM, detta ONT (Optical Network Termination).

Il router in tuo possesso deve essere collegato alla terminazione ottica (ONT) mediante cavo di rete Ethernet Categoria 5e o superiore alla porta WAN Ethernet.

se il cliente decide di affidarsi a un suo modem “l’ont fornito è sempre esterno”.

1 Mi Piace