Iliad arriva nel fisso con la fibra ottica: lancio ufficiale 25 gennaio 2022

Iliad ha annunciato il lancio ufficiale della sua offerta di rete fissa per martedì 25 gennaio 2022 con un evento che potrà essere seguito attraverso i suoi canali social dalle ore 10:15. Lo ha confermato Benedetto Levi (AD Iliad Italia) in un’intervista su La Stampa pubblicata martedì 18 gennaio.

Nello stesso giorno Benedetto Levi, in un video postato nel suo account Twitter (ripostato anche sugli altri profili social del marchio), orienta l’attenzione, con una caramella della stessa forma, sulla “O” dei due claim utilizzati in questi giorni sul loro sito e nei loro store per il lancio promozionale del fisso, cioè TOP & WOW scritte con la ripetizione della vocale. In realtà inizia anche il commento al suo post con OPS scritto alla stessa maniera.

Si tratta probabilmente di una mossa pubblicitaria per anticipare il set di dispositivi Iliadbox POP in Italia (Freebox POP in Francia) che sono a forma di cerchio! Già un paio di anni fa Thomas Reynaud (CEO del Gruppo Iliad) ne aveva preannunciato l’arrivo. C’è chi poi ha analizzato il codice del firmware scoprendo che già da un annetto è disponibile la scelta della lingua italiana oltre che il nome italiano del dispositivo.



Il dispositivo principale di Freebox Pop è un modem router di forma circolare, con diametro di 16 centimetri e spesso 4 cm, in grado di gestire sia collegamenti xDSL che in fibra ottica. Si tratta di un dispositivo Wi-Fi AC2100 dual band che funziona alle frequenze di 2,4GHz e 5GHz con tecnologia MU-MIMO, cioè in grado di gestire più flussi di dati verso più dispositivi in contemporanea. Oltre al collegamento Bluetooth 5.0 a basso consumo, offre standard di sicurezza elevato WP3 con crittografia a 256 bit invece della precedente a 128 bit: per collegare i dispositivi alla rete locale non viene più impiegata una password, sostituita da codice QR e anche tag NFC.
I collegamenti del modem router includono alimentazione via porta USB-C, connettore RJ-11 per telefono e xDSL, ingresso per fibra ottica, tre porte Ethernet, due con velocità da 1 gigabit e una da 2,5 gigabit. Gli utenti che hanno case di grandi dimensioni possono ottenere in abbinamento anche un ripetitore Wi-Fi, anche questo con tecnologia AC2100 MU-MIMO dual band con sicurezza WP3, per estendere la rete senza fili su più piani e per coprire meglio abitazioni con ampie metrature.
In Francia gli abbonamenti con questi dispositivi partono da 29,99€/mese.

Iliad si appoggerà inizialmente solo sull’infrastruttura di rete FTTH di Open Fiber in connessione ad almeno 1 Gigabit in download e 300 Megabit in upload con la fibra che arriva fin dentro l’abitazione del cliente nelle cosiddette aree nere: è probabile che abbia strappato un prezzo migliore a Open Fiber rispetto a FiberCop e in questa fase di lancio possa quindi permettersi di proporre una offerta ad un prezzo invitante (un po’ come successo nel mobile con l’offerta da 5,99 euro al mese, limitata ad un certo numero di clienti e poi rimasta disponibile per sempre a chi l’ha sottoscritta).
Intanto Open Fiber prevede il completamento entro il 2023 di tutti gli interventi del Piano BUL nei comuni che fanno parte delle aree bianche, ma anche una spinta alle aree nere e estensione della copertura VHCN nelle grigie.
Per verificare la copertura Open Fiber:

Resta da vedere come Iliad gestirà la questione del modem libero.




Riferimenti

2 Mi Piace

Riservato per la diretta sul canale Youtube di Iliad. Inizio ore 10:15.

1 Mi Piace

Molto interessante… spero che le offerte non siano riservate solo alle FTTH

FiberCop è nata nella primavera del 2021 per gestire l’infrastruttura in rame di TIM e per estendere la portata della sua rete in fibra ottica fino alle abitazioni, allo scopo ultimo di unirle con quelle di Open Fiber nata nel 2015. Iliad è entrata in FiberCop come coinvestitore nell’estate del 2021. In una nota dell’accordo si specifica che TIM offrirà ad Iliad l’accesso alla rete primaria in fibra, che va dalle centrali ai cabinet.
Perciò quando Iliad deciderà di offrire alla propria clientela anche FiberCop, ci dovrebbe essere dentro pure la FTTC. Visto che per il mobile Iliad si è orientata ad utilizzare il 2G che già c’era di WindTre è probabile che si orienti anche allo stesso modo per il fisso utilizzando il rame che già c’è di TIM senza aspettare il completamento della fibra pura che nelle intenzioni del governo dovrebbe essere a disposizione di tutti entro il 2026.



Riferimenti

1 Mi Piace

Ma non è che invece la rivoluzione consiste nel cominciare a distribuire magari con le ricariche le famose mentine col buco tanto in voga negli anni '80 tra fumatori e avventori di osterie per rifarsi l’alito? :crazy_face:

Nella mia zona in provincia il segnale di Iliad non è che sia tutta 'sta gran cosa mentre basta che ti sposti in città e prende meglio…

3 Mi Piace

Era passato dal tabaccaio dietro l’angolo prima di arrivare allo store. :smile:

1 Mi Piace

Allora qualche speranza c’è, ti ringrazio per il chiarimento.

Oggi tutti i siti parlano della possibile fusione iliad-vodafone.

Già. La notizia originaria parla di fonti che hanno familiarità con la questione e che hanno spifferato la cosa all’agenzia di stampa britannica Reuters.
Ma Xavier Niel (presidente Iliad) pare sia interessato (o sia stato interessato) anche ad un probabile matrimonio con TIM dopo che Iliad Italia è diventata l’azionista numero uno di Unieuro. Decisamente è conscio del fatto che ormai i settori tlc sono frammentati e una delle possibili soluzioni per sopravvivere è fagocitare o al massimo fondersi con gli altri. In Polonia intanto ha fatto spese prendendosi Play e UPC. Anche da noi in Italia abbiamo avuto esempi simili con WindTre e, proprio il mese scorso, con Linkem e Tiscali.



Riferimenti

Nel mobile l’offerta iniziale fu interessante e l’ultima per il trascorso periodo festivo era di 150 GB/9,99€ in 5G. Effettivamente le offerte 5G degli altri operatori nazionali raggiungono quasi il triplo del costo. Mentre i brand secondari competono sul costo ma a velocità molto minori, appena di poco si possono definire in 4G.
Vedremo se riusciranno a far abbassare i prezzi del fisso anche se è molto più probabile che semplicemente spingano i brand secondari a replicare quello che è successo col mobile con offerte economiche ma a velocità ribassate.

Evidentemente i quasi 9 milioni degli attuali utenti del mobile sono tutti concentrati nelle zone dove prende meglio…

Benedetto Levi insiste sulla “O” evidenziata nel tag claim. Ci tengono parecchio alle Iliadbox POP in Italia (Freebox POP in Francia).

Aggiunto nel post n. 2 di questo thread link canale Youtube di Iliad per seguire la diretta con inizio alle 10:15.

Per quanto riguarda la questione MODEM LIBERO & Iliad.
Sul sito, subito dopo la presentazione di Benedetto Levi, è comparsa la sezione fibra, nella quale è specificato: “iliadbox in comodato d’uso gratuito”. Al 177 hanno specificato che a richiesta saranno forniti i dati per l’eventuale configurazione del modem di proprietà dell’utente.
Ecco la sezione specifica:

con al momento solo un paio di modelli consigliati e relative guide che riguardano modelli di fascia alta (ancora marketing?). Di questi il Turris Omnia 2020 sembra essere equipaggiato con l’OpenWrt!

Nella sezione verifica copertura, almeno per adesso, non ci sono proprio tutte le vie con tutti i civici come sul sito di OpenFiber.

1 Mi Piace

@MastroGiocattolaio ci hai visto bene era il router iliadbox.
Per chi è coperto secondo me non ci sono alternative!
Da me non c’è la ftth e per ora continuo con la fibra fttc di poste, lo so può far sorridere ma mi serve anche una connessione 4g senza limiti e con loro mi trovo bene.

Anche la versione italiana iliad box è compatibile con le xDSL?
Si sa che SoC hanno usato?

La iliadbox e la freebox pop v8 server hanno lo stesso firmware: cambiano solo le scritte italiane da quelle francesi sul box. Si basano sul SoC Broadcom BCM63158. Il dispositivo è uscito nell’estate del 2020 introdotto da Xavier Niel (presidente Iliad/Free). Come puoi vedere hanno le prese dedicate.
Per adesso in Italia c’è la iliadbox ed il wifi extender. Mentre in Francia c’è anche il player prodotto da SEI Robotics secondo Android TV Guide.







Riferimenti

1 Mi Piace

Però l’offerta fibra iliad viene 15,99€ SOLO con la convergenza altrimenti viene 23,99€ e l’offerta mobile più bassa è di 7,99€ e allora siamo lì. PosteCasa Fibra sono 26,90€ con inclusa una seconda connessione senza limiti su rete 4G. Alla fine il fornitore è sempre OpenFiber + TIM per Poste e quando sarà + FiberCop per iliad. Ma è così per tutti perché l’infrastruttura alla fine quella è.
Il prezzo medio è di 25€ per ogni provider poi ci sono gli sconti o le aggiunte e addirittura quelli che fanno un’offerta per 1 o 2 anni e poi si paga a prezzo pieno che magari è pure più alto.
Per adesso la vera rivoluzione è l’assenza di vincolo.

1 Mi Piace

Durante il momento Q&A organizzato al termine della presentazione dell’offerta fibra iliad e della iliadbox, Benedetto Levi (AD iliad Italia) ha risposto ad una richiesta di chiarimenti legata al rumor sulla possibile trattativa con Vodafone per una fusione delle attività:

Andiamo avanti assolutamente da soli per la nostra strada, come abbiamo fatto per questi tre anni e mezzo e non con Vodafone.

Sempre nell’incontro con la stampa Levi ha specificato che per il momento non ci sono piani per un ingresso nel segmento FWA (Fixed Wireless Access) e che l’intenzione di iliad è fornire una offerta esclusivamente su rete in fibra ottica fino all’abitazione (FTTH), ovvero quella che permette di garantire la migliore qualità del servizio. Per questo si augura che anche grazie ai fondi europei del PNRR, ci sia una accelerata nella copertura in fibra in tutta Italia.

Ma l’accordo con FiberCop e la porta DSL della iliadbox, francamente direi che smentiscono in un certo senso l’apparente ostinazione sulla fibra pura: non possono permettersi di mantenere quei prezzi per cui devono per forza allargare il target di utenza potenziale.



Riferimenti

L’offerta è senza vincoli e senza costi extra ma prevede un costo di 19 euro in caso di recesso o cambio gestore. In entrambi i casi è necessario restituire ad Iliad il modem fornito in comodato d’uso gratuito entro 30 giorni senza ritardi altrimenti l’operatore stesso addebiterà 149 euro per l’iliadbox. Dunque, l’addebito del valore commerciale dell’apparato verrà richiesto dalla stessa Iliad anche in caso di ritardata restituzione.

Allora è questo il valore del loro modem che si pone quindi su una fascia di prezzo media a differenza dei dispositivi che consigliano per chi vuole scegliere la soluzione del modem libero che costano oltre il doppio e hanno un box metallico (mentre la iliadbox è di plastica) che sono sicuramente di fascia alta sia per il prezzo che per le prestazioni che per la fattura e avendo le antenne esterne saranno anche più potenti sul WiFi.



Riferimenti

1 Mi Piace

Hai ragione non ho considerato che il 15.99 vale solo per i già clienti iliad.
A questo se non si è coperti dalla 2,5 o 5 giga l’offerta delle poste è la più conveniente.